59|2015

ECSITE 2015 a Trento

23/09/2015

“Cibo per le menti Curiose” è stato il titolo dell’edizione 2015 della conferenza ECSITE - European Network for Science Centers and Museums tornata in Italia per la terza volta in 26 anni. Il tema della conferenza quest’anno si è incentrato sul cibo, la salute, la conservazione della natura, alla sostenibilità, al benessere e al miglioramento delle condizioni di vita in generale, richiamando i temi della concomitante esposizione universale EXPO 2015 di Milano.

“Cibo per le menti Curiose” è stato il titolo dell’edizione 2015 della conferenza ECSITE - European Network for Science Centers and Museums  tornata in Italia per la terza volta in 26 anni. Il tema della conferenza  quest’anno si è incentrato sul cibo, la salute, la conservazione della natura, alla sostenibilità, al benessere e al miglioramento delle condizioni di vita in generale, richiamando i temi della concomitante esposizione universale EXPO 2015 di Milano. La conferenza è stata anche una possibilità di approfondire una delle questioni fondamentali per la nostra sopravvivenza, il cibo, ma che è anche l’insieme di sapere, informazioni e conoscenze di cui ciascuno di noi abbisogna per la propria vita intellettuale e per il proprio benessere.

 

 

Anche Informatica Trentina ha partecipato alla conferenza, sia essendo Corporate Founder Sponsors e sia attraverso alla partecipazione all’organizzazione di uno dei tanti workshop presenti nel programma.

 

Nell’ambito della conferenza vi è stata una parte espositiva a cura delle aziende specializzate in forniture museali soprannominata  “Business bistrò”, ovvero una vetrina degli ultimi prodotti e servizi offerti da aziende e istituzioni di livello mondiale, un’opportunità di scambio e confronto molto apprezzata dai professionisti dei musei scientifici, un punto di incontro e scambio di informazioni, conoscenze e prospettive dal quale spesso nascono nuove collaborazioni.

 

 

La conferenza è stata molto ricca e partecipata, con speakers di grande livello, altamente evocativi e stimolanti. Uno per tutti, ricordiamo Tristram Stuart, autore del bestseller “Sprechi. Il cibo che buttiamo, che distruggiamo, che potremmo utilizzare”, che ha stimolato un numeroso pubblico con evidenze su come sia possibile avere un impatto reale sulla vita di tutti i giorni e sull’economia globale con semplici azioni giornaliere di responsabilità, valorizzando la frutta e la verdura, evitando gli sprechi sistematici del sistema industriale di packaging e distribuzione. Una visione alternativa ma anche molto semplice ed abbordabile da parte di tutti, con grandi speranze per il futuro

 

 

 

Informatica Trentina, con il suo Living Lab “Trentino as Lab” ha co-organizzato, nella giornata del 13 Giugno, un workshop intitolato “Experiments in scientific co-creation” in cui si sono sperimentate alcune tecniche di co-creazione di idee seguendo il modello dei Living Labs. . Il workshop ha visto la partecipazione di circa 20 persone provenienti da esperienze diverse ma con un unico obbiettivo, coinvolgere le persone in uno scenario museale.

 

Il workshop è stato organizzato insieme alla rete francese dei Living Labs che lavorano direttamente con i musei in modo tale da sviluppare nuove modalità di interazione con i visitatori e non solo, ma anche per trasformare il museo in un laboratorio esperienziale. In tale senso anche Informatica Trentina ha lavorato nei mesi precedenti, grazie al contributo di una azienda del territorio, la Algorab srl, nel creare uno spazio interattivo nel museo in grado di dimostrare le possibilità offerte dalla tecnologia moderna, in questo caso sulla tecnologia dei lampioni intelligenti

 

LINKS

 

Il sito della conferenza: http://www.ecsite.eu/annual-conference

 

Il programma: http://www.ecsite.eu/sites/default/files/final_programme_ecsiteac2015.pdf

 

La conferenza sul web:

 

 

Tristram Stuart su wikipedia:

 

https://en.wikipedia.org/wiki/Tristram_Stuart

 

Il Trentino as Lab: il Living Lab di Informatica Trentina: